Torture per i fenicotteri di Aruba

Molti si sono diretti ad Aruba, in una spiaggia privata con sabbia bianca ed acqua cristallina, per fare fotografie, selfie e per accarezzare i bellissimi fenicotteri rosa presenti sull’isola, pagando anche una certa quantità di denaro..ignari probabilmente della crudeltà dei fatti.

Perché questi bellissimi animali selvatici dovrebbero rimanere sull’isola a farsi selfie con i turisti e a farsi avvicinare senza volare via? Semplicemente perché questi animali non hanno possibilità di andarsene! Gli è stato tolto il dono naturale del volo, gli sono state pinzate le ali, per lucrare sul turismo che si è creato sull’isola grazie alla loro presenza.

Fino a dove ci spingeremo per i soldi? Fino a dove l’uomo è disposto ad arrivare?

Riflettete quando vi chiedono di pagare per vedere o toccare animali che in natura non potreste nè vedere nè toccare.

_Jennifer Catalano_

Precedente Gavettone Atlantico ferragostiano al caldo africano Successivo L’estate mediterranea contesa tra un anticiclone e l’altro, con break temporaleschi localmente intensi. Vediamo dove

Un commento su “Torture per i fenicotteri di Aruba

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.