Sabato dal clima tardo primaverile, ma prima un po’ di Favonio per tutti !

Fabio Fioramonti

Buongiorno e buon Giovedì,
Anche questo fine settimana si annuncia soleggiato sul comparto di NW, nel dettaglio a partire dalla giornata odierna:dal pomeriggio assisteremo ad un nuovo aumento della ventilazione da Nord favonio (vento di ricaduta dalle Alpi) dettata ancora una volta dal passaggio di un cavo d’onda perturbato dal Nord Atlantico destinato alle regioni del medio Adriatico e Sud Italia, vento che ci accompagnerà per tutta la giornata di Venerdì, garantendo ampio soleggiamento diurno e temperature gradevoli.
La giornata di Sabato sarà piacevolissima, con calo della ventilazione e temperature massime che saranno ben oltre la media del periodo, attestandosi tra i 20/23 gradi nelle ore centrali del giorno, sarà un po’ fresco di primo mattino e il divario termico con il pomeriggio sarà netto! Quindi vestirsi a “cipolla” sarà #moodOfTheWeekend 😁 !
Nella giornata di Domenica invece si partirà con cieli poco nuvolosi fino a cielo coperto entro sera, con la possibilità di deboli piogge nella notte su Lunedì, il tutto sarà dovuto ad un cambio della rotazione dei venti, i quali, si disporranno dai quadranti meridionali richiamando a sua volta aria più umida seppur temperata apportando appunto nuvolosità sul regioni poste ad ovest della penisola Nord Italia incluso.

Non sarà una svolta a livello atmosferico, ma una breve “distrazione” dell’Alta pressione che consentirà questo debole passaggio perturbato descritto sopra, da Martedì infatti l’alta pressione tornerà garantendo giornate soleggiate per gran parte della prossima settimana.
Supposizione valida per il Nord Ovest italiano.
In allegato:
Fig 1,2 Concordanza modellistica da parte dei due gm principali Gfs ed Ecmwf centrati per la giornata di Sabato
Fig 3 Spaghi meteo su media Ensamble illustrati, relativi alla verticale del piano isobarico 850hpa del paese dalla quale scrivo (pedemontana comasca)

Fig. 1

Fig. 2



Fig. 3

HaveANiceWeekEndToAll

Fabio Fioramonti

Precedente Mai sottovalutare le allerte degli enti competenti! Successivo Verso una nuova fase atmosferica di “stallo”!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.