Home Animali Rigogolo, “gioiello giallo” difficile da vedere

Rigogolo, “gioiello giallo” difficile da vedere

by Nunzio Larosa
rigogolo

Rigogolo, "gioiello giallo" difficile da vedere

Il Rigogolo (Oriolus Oriolis) è un uccello appartenente all’ordine dei Passeriformi e alla famiglia degli Oriolidi. E’ caratterizzato da dimorfismo sessuale, ovvero i due generi, maschili e femminili, presentano caratteristiche diverse, pur appartenendo alla stessa specie (nel caso del Rigogolo si tratta del piumaggio).  Con lunghezza compresa tra i 21 e i 25 cm e peso intorno ai 70 grammi, è una specie migratrice a lungo raggio, di natura sospettosa e schiva.

Il suo areale di nidificazione si estende da Svezia e Finlandia meridionali fino all’area Mediterranea. Le zone di svernamento si collocano nell’Africa Sub-Sahariana e dall’Africa Equatoriale al Sudafrica. In Italia è migratore regolare dapprima tra aprile e maggio, poi tra metà agosto e metà settembre. Nelle regioni settentrionali è presente in pianura e nelle basse colline, mentre al Centro-Sud si insedia anche nelle zone montane, fino a 1.000 metri di altitudine. Nelle estreme regioni meridionali, Salento e Sicilia in particolare, è più raro da osservare, mentre è quasi completamente assente in Sardegna.

Habitat del rigogolo

Il suo habitat è rappresentato dai boschi di essenze, a foglia caduca o misti, ma anche frutteti, pioppeti e boschi planiziali, specie nelle aree ripariali dei fiumi. Durante la migrazione frequenta anche i boschi di quercia. Nelle aree di svernamento invece si insedia nelle savane e nelle foreste tropicali.

Abitudini del rigogolo

Trascorre la giornata nascosto nel folto del fogliame, tanto che nella stagione estiva è molto difficile da vederlo, anche se nelle vicinanze dovessimo sentire il suo canto inconfondibile. Di rado si posa su rami allo scoperto o sul terreno, e al minimo segnale d’allarme torna a nascondersi in zone di fitta vegetazione arborea. Da un posatoio all’altro si sposta con volo rapido, caratterizzato da lunghe ondulazioni, frequenti tuffi e impennate. Sul terreno procede saltellando. Durante la stagione riproduttiva è particolarmente irrequieto: infatti non è raro osservarlo tra un inseguimento e/o un combattimento con altri esemplari.

Di cosa si nutre

 La dieta di base del Rigogolo è composta da grossi insetti e dalle loro uova e larve, nel corso della primavera e dell’estate. In autunno invece appetisce frutta e bacche (fichi, uva, mele, lamponi, more e frutti selvatici in genere).

Dove nidifica il rigogolo

Il sito dove costruisce il nido in genere è posto all’estremità di un ramo lontano dal tronco e piuttosto in alto. È compito della femmina la costruzione del nido a forma di “amaca”, formata da una fitta trama di foglie, erba, rametti e terra. Nell’anno compie in genere una covata, eccezionalmente due. In maggio vengono deposte 3-4 uova, la cui incubazione è assolta principalmente dalla femmina in 16-17 giorni. I pulcini sono nidicoli e vengono accuditi da entrambi i genitori; all’età di circa 2 settimane abbandonano il nido, ma rimangono in compagnia dei genitori fino al momento di intraprendere la migrazione.

Canto del rigogolo

La specie, pur non essendo particolarmente a rischio, mostra un calo della distribuzione, dovuto essenzialmente alla distruzione del suo habitat.

Articolo scritto dallo staff di – Peri Fyseos – visitate il loro bellissimo canale YouTube -> Peri Fyseos.

Articoli di NaturalMeteo sul mondo animale -> Animali

Unisciti alla nostra chat Telegram: https://t.me/+UzpjlCNDONu7NPuI
o al canale (senza commenti e segnalazioni) Telegram:
https://t.me/NaturalMeteoUfficiale

Related Posts

Leave a Comment

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare nel sito, acconsentite al nostro utilizzo dei cookie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: