Olmo campestre

Olmo campestre

Olmo campestre

L’Olmo campestre o comune (Ulmus minor) è una specie appartenente alla famiglia delle Ulmaceae.

In Italia , tra le diverse specie di olmo presenti , l’olmo campestre è la specie più diffusa.

Il nome minor deriva dal fatto che questa specie presenta le foglie con le dimensioni più piccole all’interno della famiglia delle Ulmaceae.

È una specie decidua , ovvero una specie che stagionalmente perde le foglie. La caduta delle foglie avverrà durante la stagione più sfavorevole per la pianta.

Distribuzione e habitat

L’Olmo campestre è diffuso in Europa e Asia ed è stato introdotto nel Nord America. In Italia è presente in tutte le regioni e cresce nell’intervallo altimetrico tra 0 e 1200 metri s.l.m.

Descrizione botanica

  • Portamento : albero che può crescere fino a 30m e che sviluppa un tronco poderoso. Presenta corteccia grigio-brunastra, negli esemplari maturi spesso è solcata a formare piastre poliedriche, mentre nei rami giovani è verde-rossastra, lucida, liscia. Nei rami di 4-10 anni la corteccia può assumere anche un aspetto sugheroso.
  • Foglie : le foglie sono ruvide, caduche, picciolate,  con lamina  generalmente ovato-ellittica, base asimmetrica, apice acuto, margine dentato, glabra e di un bel colore verde sopra, più chiara e con peli sotto.
  • Fiori : i fiori sono insignificanti e riuniti in piccole ombrelle ascellari di colore rosso.
  • Frutti : i frutti sono samare alate di circa 2 cm. La fioritura avviene sul finire dell’inverno, prima della crescita delle nuove foglie
foglie olmo

Utilizzi

  • I fiori sono edibili.
  • È un albero dal legno molto duro e resistente. In passato è stato ampiamente impiegato per la costruzione di utensili da lavoro e nella cantieristica navale. Oggi è spesso usato nell’ambito della cesteria o per praticare lavori d’intaglio.
  • La corteccia è molto tannica e ha proprietà tintorie.
  • Usato come specie ornamentale ( anche se negli ultimi anni il suo impiego in questo ambito è fortemente diminuito a causa di una malattia nota come grafiosi che si è rapidamente diffusa e ha notevolmente decimato gli individui).

Simbologia

Un tempo l’olmo veniva definito come «il sostegno della pianta che dona il liquore della vita», ossia la vite. Prima infatti gli olmi venivano impiegati come impalcature per i vigneti in quanto si riteneva che l’uva prodotta da viti sostenute da filari di olmi fosse più zuccherina e quindi più apprezzabile.

Ancora oggi in alcune regioni questa pratica è ancora in uso.

Curiosità

È una specie estremamente longeva. Può superare i 600 anni.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Abilita notifiche Si No