Intensa ondata di caldo in arrivo nei prossimi giorni, seppur lecita, da record per estensione sul comparto europeo

🔥 🔥 Fabio Fioramonti🔥🔥

Buongiorno e buon inizio settimana, come anticipato ampiamente nei giorni scorsi, e, come annunciato dagli esperti del settore, l’Italia nei prossimi giorni si appresterà ad affrontare la prima vera ondata di caldo estivo.
Le regioni del centro Sud Italia in verità, sono già diverse settimane che stanno sperimentando temperature estive e belle giornate di sole, ma quello che ci preme sottolineare in merito a questa ondata di caldo è la vastità del promontorio anticiclonico di origine nordafricana; esso si espanderà in maniera eccelsa su gran parte dell’Europa centro occidentale, e l’Italia specie nella prima metà di questa settimana sarà coperta per intero dal raggio d’azione di questo.
Sin dalla giornata odierna le regioni del centro Sud ed Isole sperimenteranno temperature over 35 (in Sardegna sono previsti picchi anche di 38gradi).
Le regioni del Nord Italia invece restano in “attesa” di temperature “cocenti”, nella giornata odierna il caldo ancora molto sopportabile con temperature massime per lo più comprese tra 29/32, in attesa di un sensibile rialzo termico atteso nei giorni a seguire fino a raggiungere valori compresi tra 34/38 gradi verso il fine settimana.
Valori di temperatura atmosferica che sinceramente dato il periodo dell’anno e la latitudine in cui è posta la nostra nazione in può sembrare “lecita” , ma quello che può destar preoccupazione sarà la temperatura percepita dal nostro corpo, che con valori di umidità elevati può ben essere superiore a quella reale registrata in atmosfera a cui si aggiungerà il senso di caldo afoso che può rendere difficoltosa la respirazione per anziani e bambini.
Nella prima immagine prendiamo come riferimento l’elaborato del modello inglese Ecmwf valido per la giornata di Giovedì 27 Giugno, possiamo notare come i valori di geopotenziali massimi (1025hpa) della struttura anticiclonica nordafricana andrebbero a posizionarsi lungo la “cresta”alpina, in situazioni come queste si potrebbe assistere ad una leggera ventilazione di favonio in ricaduta dalle Alpi per effetto di compressione “adiabatica” , ho voluto sottolineare la possibilità di questo episodio poiché sulle regioni di Nord Ovest si assisterebbe ad un tipo di caldo “secco” con valori di temperatura massima senz’altro elevati ma con la percezione di questa Un po’”più reale”, non esaltata dall’umidità a discapito della sensazione di caldo “opprimente” ed afoso, inoltre va rimarcato l’irraggiamento solare, il quale in condizione di lieve ventilazione manterebbe un’atmosfera quasi limpida andando ad esaltare la perpendicolarità (tipicici del solstizio d’Estate astronomica) dei raggi UV ( Rischio di scottarsi per chi si espone durante le ore più calde) .
Durante la settimana corrente, specie verso il Weekend saranno possibili isolati temporali di “calore” lungo i rilievi Alpini e dell’appennino settentrionale, saranno episodi di tipo termoconvettivo ad aree molto limitate e ad evoluzione piuttosto rapida e blanda sugli accumuli pluviometrici.
La vostra domanda è “Quanto durerà “?
Ad oggi si scorgono i primi segnali riguardo ad un passaggio piovoso sulle regioni di Nord Ovest per i primi giorni di Luglio, ma che al momento risulta solo un’IPOTESI.

In allegato:
Img 1 Emissione del modello inglese #Ecmwf che mostra l’espansione del promontorio anticiciclonico nordafricano alimentato da aria subtropicale in espansione su gran parte dell’Europa centroccidentale.

Img2 Valori di temperatura atmosferica attesi per la giornata di Mercoledì elaborazione del modello ad alta risoluzione #Arpege, fare riferimento a leggenda.

Img3 Spaghi meteo su media #Ensamble illustrati, relativi alla verticale del piano isobarico 850hpa del paese dalla quale scrivo (Pedemontana comasca)

Fig. 1

Fig. 2

Fig. 3

HaveANiceWeekToAll

Fabio Fioramonti

Precedente Focus sul passaggio temporalesco di domani al Nord-est Successivo “Estate in pompa magna”, quando i primi disturbi temporaleschi?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.