Il Molise e le sue acque

Il Molise e le sue acque

Cinquantadue comuni, una rete idrografica fitta, un Parco Nazionale, molteplici biodiversità, spazi incontaminati, grandi montagne,laghi, meravigliose cascate, riserve naturali e con queste cose che il Molise si candida ad essere la regione più verde d’Italia.

La rete idrografica del Molise è alquanto fitta per la presenza di numerosi torrenti e ruscelli, alcuni dei quali a carattere stagionale. I sistemi fluviali che interessano il Molise sono: il Volturno, con i principali affluenti Cavaliere e Vandra, che si sviluppa nell’alto corso nella provincia di Isernia; il Sangro, a confine con l’Abruzzo, che solo per pochi km scorre in Molise; il Trigno, con il Verrino nel medio e basso corso, segna il confine con il vicino Abruzzo; il Fortore, con il Tappino, nel basso corso, scorre in parte in Molise e segna il confine orientale con la Puglia, per poi sfociare nel mare Adriatico poco più a sud del confine regionale; il Biferno (con il Quirino, il Callora, il Rio nell’alto corso e il Cigno verso la foce) è il fiume più importante di questa regione, la divide in due e ha un bacino di 1311 km quadrati, più di quarto nel territorio molisano. 

fiume volturno

Ventisei comuni hanno tutta la superficie territoriale compresa per intero nella valle: di questi, 19 hanno un confine segnato dal Biferno. Ad eccezione del Volturno, tributario del Mar Tirreno, gli altri fiumi Trigno, Biferno, Saccione e Fortore sfociano nel Mar Adriatico e hanno un corso quasi parallelo.

Scorci delle Mainarde

Codici PROMO Decathlon Rent per numerose attività all'aperto:

Il fiume Volturno

Il fiume Volturno lungo ben 175 km, è il fiume più lungo dell’Italia meridionale. Le sue sorgenti sgorgano maestose alle radici del monte Azzone, uno dei primi avamposti della grande catena delle Mainarde.

Le Mainarde segnando il confine tra la Provincia di Frosinone, la Provincia dell’Aquila e la Provincia di Isernia. Questa catena montuosa è contraddistinta nel settore meridionale dal Monte Meta (2242 m) e rappresentano l’ultima propaggine dell’Appennino Centrale. Oltre al Monte Meta, questa catena comprende il Monte Mare (2020 m), il Monte a Mare (2167 m) e la Metuccia (2105 m). Il paesaggio che caratterizza le Mainarde e il Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise è di notevole interesse naturalistico, sia per la sua elevata biodiversità che per il suo valore naturale. Le tipologie vegetazionali in quest’area geografica, si estendono dal piano submontano fino al piano bioclimatico d’alta quota. 

fiume volturno
Fiume Volturno

Tornando al Volturno, secondo i calcoli le Polle hanno una portata di 5700 litri al secondo con un temperatura di 10 gradi. In questi ultimi anni il fiume appare meno vorticoso e copioso di acque: gran parte viene utilizzata dall’Enel per la creazione di energia elettrica,grazie a uno sbarramento situato a Castel San Vincenzo, dove c’è l’onomino Lago. Inoltre La grandezza del fiume si ritrova solo in prossimità di Ponte Rosso nel territorio di Colli a Volturno.

Sorgente di capo Volturno

Alla prossima puntata con il Lago di Castel San Vincenzo.

Alessandro Sbriglia

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.