Home Animali Endemico o endemismo: significato e quante specie endemiche ci sono in Italia

Endemico o endemismo: significato e quante specie endemiche ci sono in Italia

by Eleonora Badalamenti
cesena uccello

Endemico o endemismo: significato e quante specie ci sono in Italia

In biologia, con il termine endemico o endemismo, si indica una specie animale o vegetale la cui presenza è esclusiva e caratteristica di una regione circoscritta. Parliamo quindi di una specie endemica quando essa vive solo in un’area geografica limitata e non la troveremo in un’altra regione.

Una specie endemica nasce come risultato della speciazione (processo evolutivo grazie al quale si formano nuove specie da quelle preesistenti) in un’area geografica limitata da barriere di origine naturale che non consentono lo scambio genetico, e quindi danno vita a diverse specie limitate a quelle specifiche aree geografiche. Questa processo prende il nome di evoluzione divergente. L’evoluzione divergente si manifesta tipicamente quando due popolazioni sperimentano pressioni selettive diverse che guidano gli adattamenti al loro nuovo ambiente. Dopo molte generazioni e una continua evoluzione, le popolazioni diventano meno capaci di incrociarsi tra loro.

Gli endemismi sono particolarmente diffusi nelle isole, dove sono favoriti dalle barriere geografiche che evitano la dispersione, come nel nostro caso la presenza del mar Mediterraneo o le nostre Alpi e Appennini.

Le specie endemiche sono generalmente estremamente vulnerabili ai cambiamenti climatici in quanto l’evoluzione li ha portati ad essere costituiti esattamente per quel luogo. 

Differenze tra specie endemica e autoctona

Spesso l’endemismo viene confuso o paragonato al termine autoctono. Le specie autoctone, pur essendo specifiche di una particolare regione o ecosistema, non sono necessariamente specie endemiche, in quanto questo termine denota una rigida restrizione geografica e le specie autoctone possono essere presenti in più di una località, così come le specie che caratterizzano una regione geografica e ne determinano il paesaggio.

 

Endemico significato

Il termine endemico deriva dal greco ed è composto dalla parola en che significa dentro e demos che significa regione o popolo.

Quante specie endemiche sono presenti in Italia?

La fauna compresa nel territorio italiano è particolarmente ricca, conta circa 57.000, attualmente censite, di tutto l’insieme del complesso animale: specie animali che vivono nel mare, sulla terra ferma e nelle acque dolci. Suddivise in: 1.255 specie di vertebrati e 55.745 di invertebrati.

Su 57.000 specie faunistiche presenti in Italia, solo l’8,6 % sono da considerare endemiche ovvero presenti esclusivamente sul territorio italico. Ben il 31,8 % degli anfibi e il 18,3 % dei Pesci ossei d’acqua dolce risultano specie endemiche. Tra queste spicccano: il camoscio appenninico (Rupicapra rupicapra ornata), il carpione del Garda (Salmo carpio), il ghiozzo padano (Padogobius bonelli), la lepre Appenninica (Lepus carsicanus), la salamandrina degli occhiali (Salamandra perpicillata), la lampreda padana (Lethenteron zanandreai) e l’orecchione sardo (Plecotus sardus).

lepre appenninica (Lepus corsicanus)
Lepre appenninica (Lepus corsicanus)

La flora italiana invece comprende circa 12.000 specie, comprendenti le Briofite (Epatiche, Antocerote e Muschi), i Licheni e le piante Vascolari. Si stima che il 16 % delle piante vascolari siano endemiche. Tra queste ricordiamo: l’ontano napoletano (Alnus cordata), la ginestra dell’Etna (genista aetnensis), il carice del Monte Baldo (Carex baldensis) e la saxifraga ragnatelosa (Saxifraga arachnoidea).

carice del monte baldo (carex baldensis)
Infiorescenza del Carice del Monte Baldo (Carex baldensis)

Visita la nostra sezione NATURA e METEO

Related Posts

Leave a Comment

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: