Corbezzolo

Corbezzolo

Il corbezzolo (Arbutus unedo) è una specie sempreverde appartenente alla famiglia delle Ericacee.

Il nome deriva dal vocabolo celtico «butus» che significa cespuglio , per la forma normalmente arbustiva di questa pianta.

Il corbezzolo presenta un particolare ciclo di maturazione che lo porta ad ospitare contemporaneamente frutti maturi di colore rosso e i fiori di colore bianco. Data la sovrapposizione di questi due colori, unita anche al verde brillante delle foglie, il corbezzolo è considerato uno dei simboli patri italiani, proprio perché riporta i colori della bandiera italiana.

Distribuzione e habitat

Il corbezzolo è una pianta tipica della macchia mediterranea. In Italia lo troviamo lungo tutte le fasce costiere.

È una pianta xerofila, cresce in ambienti semiaridi, predilige terreni silicei e cresce ad altitudini comprese tra 0 e 800 metri.

Descrizione botanica

  • Portamento : arbusto o alberetti con corteccia rossastra che si stacca in lamine sottili.
  • Foglie : le foglie sono persistenti, coriacee, lucenti, con margini lisci o leggermente dentati, di colore verde chiaro brillante.
  • Fiori : i fiori sono a forma di campanella. Il colore varia dal bianco al rosa al giallino.
  • Frutti : i frutti sono bacche di forma sferica spesso commestibili. Il colore è rosso-arancio. Giungono alla completa maturazione verso le fine dell’estate. Hanno la caratteristica di persistere sulla pianta anche per tutto l’inverno successivo quando sono già comparsi i fiori.
Corbezzolo

Utilizzi

Il corbezzolo viene principalmente utilizzato come specie ornamentale. Ma trova anche altri impieghi :

  • Il legno di corbezzolo è un ottimo combustibile per il riscaldamento, ma il suo utilizzo maggiore è per gli arrosti grazie alle sue caratteristiche aromatiche.
  • I fiori, che compaiono in novembre, sono profumati e ricchi di nettare; per questo motivo intensamente visitati dalle api. Dai fiori di corbezzolo si ricava dunque l’ultimo miele che le api producono prima di andare in riposo, pregiato per il suo sapore particolare, amarognolo e aromatico.
  • I frutti sono commestibili e possono essere utilizzati per realizzare marmellate o liquori.
  • Le foglie, preparate in decotto hanno caratteristiche diuretiche, astringenti e antisettiche.

Simbologia

Il simbolo di questa pianta è l’ospitalità ; infatti sin dai tempi più antichi in molte regione mediterranee si usa piantare un esemplare di questa specie presso i cancelli delle abitazioni o dei giardini in segno di benvenuto. Inoltre il corbezzolo è una specie ritenuta di buon augurio perché porta contemporaneamente i fiori dell’anno in corso e i frutti dell’anno precedente, caratteristica che le ha meritato anche il simbolo della previdenza.

Curiosità

Il consumo di grandi quantità di frutti di corbezzolo produce una leggera sensazione di ubriachezza. Per questo motivo, nell’antichità, questa pianta era sacra al dio greco Dioniso, il romano Bacco.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Abilita notifiche Si No