Borragine : descrizione, proprietà e utilizzi

Borragine

La borragine (Borago officinalis L.) è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Boraginaceae.

Nel linguaggio dei fiori significa “barbarie”, probabilmente a causa della sua ispida pelosità che la rende inaccessibile.

Nonostante ciò, la borragine è una specie notevolmente diffusa ,apprezzata e coltivata grazie alle sue proprietà che la fanno entrare di diritto nella lista delle piante officinali.

Conosciamola meglio!

borragine

Distribuzione e habitat

La borragine è una specie originaria del territorio siriano. Risulta essere ampiamente diffusa in tutta l’area mediterranea. Vegeta spontaneamente dalle zone litorali alle zone montane, fino agli 800m (non di rado si rinviene anche a quote superiori).

Cresce un po’ ovunque , specialmente nei bordi dei campi coltivati, negli spazi ruderali e negli spazi incolti.

È una specie molto comune in tutto il territorio italiano.

Descrizione botanica

  • Portamento : pianta erbacea annuale dall’aspetto rigoglioso, con fusto ben sviluppato e carnoso, ramificato in alto, ricoperta in ogni sua parte da peli ispidi e rigidi.
  • Foglie : le foglie basali sono larghe, picciolate, a lamina intera con bordo ondulato ; le foglie che accompagnano il fusto sono invece sessili, piccole e di forma lanceolata. Il colore è verde glaucescente. Anche nelle foglie è presente la peluria.
  • Fiori : i fiori sono riuniti in un’ampia infiorescenza a racemo. Presentano lunghi peduncoli, un calice formato da cinque lacinie strette ed ispide ed una corolla costituita da cinque petali di colore azzurro o bluastro. Subito dopo l’impollinazione i fiori cadono ed il calice si richiude su se stesso a proteggere i frutti.
  • Frutti : i frutti sono degli acheni.
borragine
borragine

Utilizzi

La borragine è famosa per le sue proprietà depurative, antinfiammatorie e diuretiche. I principi attivi si trovano nelle foglie e nei fiori.

Vediamo alcuni utilizzi :

  • Con foglie e fiori è possibile realizzare degli infusi.
  • Molto diffusa nella cucina popolare per esempio nei minestroni o nelle frittate (la cottura elimina la peluria).
  • In quantità moderate le foglie più tenere possono essere usate crude nelle insalate, così come i fiori.
  • I fiori vengono spezzo usati come decorazione per guarnire i piatti ( per esempio possono essere caramellati).

Simbologia

Da un punto di vista simbolico, la borragine viene associata al buonumore, al coraggio, alla forza, alla serenità, al candore e all’allegria.

I Celti la utilizzavano mischiandola al vino prima delle battaglie per infondere forza e coraggio ai soldati, e vi sono diverse leggende che narrano di un soldato che durante l’agonia di Gesù crocifisso, gli avvicinò alle labbra un rametto di borragine, allo scopo di fornirgli conforto.

Curiosità

L’uso alimentare della borragine allo stato crudo, è sconsigliato in via precauzionale in quantità notevoli a causa della presenza, in alcune fasi vitali della pianta, di composti pirrolizidinici, a presunta attività epatotossica.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Abilita notifiche Si No