Crea sito

Anticiclone nordafricano vs perturbazioni atlantiche, si contenderanno il Ferragosto, chi la spunterà?

Fabio Fioramonti

Buongiorno e buon Giovedì, è in fase di esaurimento il “break” temporalesco avvenuto nelle ultime ore sulle regioni del Nord Italia il quale ha apportato anche fenomeni a carattere di rovescio molto intensi (con episodi grandinigeni) seppur in maniera localizzata e per lo più relegata ai settori di pianura posti a Nord del fiume Po e regioni di Nord Est; con il passare delle ore si assisterà ad un ripristino di condizioni atmosferiche soleggiate anche su queste regioni d’Italia e con temperature in nuovo sensibile aumento, il tutto grazie alla rimonta del promontorio dell’anticiclone nordafricano alimentato da aria calda di estrazione subtropicale.
Dando uno sguardo alla carta sinottica che mostra le circolazioni atmosferiche attese sull’Europa nei prossimi giorni, possiamo notare in figura 1 ben due figure bariche ben distinte tra loro di natura molto diversa; con la lettera A (freccia viola) l’anticiciclone nordafricano (figura atmosferica di stabilità) in espansione decisa verso i settori del Mediterraneo centro orientale alimentato da aria molto calda di origine sahariana; con la lettera B (freccia blu) un centro di bassa pressione (figura di instabilità atmosferica) con perno sulle regioni britanniche che arrecherà maltempo sugli stati centrali dell’Europa alimentato da aria di estrazione Nord Atlantica, molto fresca per il periodo.
Tornando alle dinamiche atmosferiche di “casa nostra” , nei prossimi giorni le regioni del Centro Sud si preparino ad affrontare giornate veramente calde con valori di temperatura ben al di sopra della media stagionale, nelle zone interne lontane dalle brezze marine non sarà utopia registrare valori di temperatura atmosferica anche over 40 , inoltre l’anticiclone nordafricano è grande “trasportatore” di umidità, la quale andrà ad esaltare l’aria calda di estrazione sub tropicale che lo accompagna, aumentando di conseguenza la temperatura percepita dal nostro corpo che sarà ben superiore a quella reale (atmosferica). Anche il Nord Italia nel corso dei prossimi giorni risentirà degli effetti di questa nuova ondata di caldo attesa, ma qui agirà in maniera un po’ più “marginale” poiché la direttrice dell’espansione del promontorio anticiclonico sarà da SW/NE di tipo “netto” e forzato, poiché il raggio d’azione del centro di bassa pressione in atto sugli stati centrali europei darà “filo da torcere” all’espansione anticiclonica, tant’è vero che proprio con l’esordio della prossima settimana il sistema perturbato tenterà sortite verso latitudini meridionali europee e Mediterraneo occidentale, in questo caso si assisterà ad un nuovo guasto del tempo sulle regioni di Nord Ovest, e dati i forti contrasti termici attesi in atmosfera (tra aria preesistente nei bassi strati ed aria affluente) non è possibile escludere fenomeni temporaleschi molto intensi e di tipo estremo, ma al momento si tratta solo di un’ipotesi che andrà monitorata giorno per giorno.
In soldoni dalla giornata odierna almeno sino alla prima metà di Domenica avremo condizioni atmosferiche ben soleggiate su un’ampia fetta di territorio italico con temperature ben oltre la media del periodo sulle regioni del Centro Sud Italia (TMax comprese tra 33/39 gradi) con sensazione di caldo torrido, al Nord condizioni di bel tempo specie sui settori di bassa pianura con un aumento dello sviluppo di nubi cumuliformi in prossimità dei rilievi alpini che apporteranno isolati temporali di calore proprio sui rilievi, sensazione di caldo a tratti afoso sulle regioni padane con temperature comprese tra 29/31 gradi con alti tassi di umidità relativa.
In allegato:
Img 1 Emissione modellistica del modello inglese #Ecmwf illustrata, nella quale viene descritta la situazione barica su scala europea.
Img2 Temperature attese al piano isobarico 850hpa su scala europea, dove si evidenzia l’espansione del promontorio anticiclonico nordafricano sulle nostre regioni, e l’aria ben più fresca sulle regioni del centro/nord Europa.
Img 3 Spaghi meteo su media #Ensemble illustrati, relativi al piano isobarico 850hpa del paese dalla quale scrivo (pedemontana comasca).

Fig. 1


Fig. 2

Fig. 3

HaveANiceWeekendToAll

Fabio Fioramonti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.